Casa Museo Remo Brindisi

Articoli

La Casa Museo Remo Brindisi e le sue collezioni

https://infotuc.es/esminec/2368 http://theftzapperfence.com/?makisf=conocer-chicas-vlc&708=ad buscar mujeres solteras salvador http://www.hurchem.com/narkoman/1375 site rencontres tender conjugarea verbelor in franceza rencontrer rencontre club ouest rencontre avec des hommes d'affaires click this site marineland antibes rencontre avec les otaries La Casa Museo del Lido di Spina, costruita tra il 1971 e il 1973 da Remo Brindisi e dall’architetto designer Nanda Vigo, è stata concepita non solo come museo contenitore di opere, ma anche e soprattutto come esperimento artistico: un luogo in cui esporre, vivere, stare insieme - con famigliari e amici, con altri artisti – dove lavorare e trascorrere le vacanze a contatto con l’arte. E’ un esperimento/manifesto di “integrazione delle arti”: Remo Brindisi e Nanda Vigo intendevano con questa espressione uno spazio ove non vi fosse soluzione di continuità, fisica, concettuale e di percezione, tra l’architettura, gli arredi, il design e le opere d’arte che affollavano le pareti di tutte le stanze (anche dei bagni e dei ripostigli). Un tutt’uno innestato profondamente nella vita di chi vi abitava e di chi poteva frequentare liberamente quegli spazi. Nanda Vigo volle costruire un luogo fisico che divenisse luogo della mente e Brindisi intese accogliervi chiunque desiderasse entrarvi, come in abbraccio (e la struttura rotonda e cava dello spazio pubblico della villa non è casuale) rispondendo ad un desiderio profondo di democratizzazione dell’arte. Entrambi convinti che il progetto, inteso come progetto artistico e architettonico, potesse influire concretamente sulla vita e l’anima delle persone e cambiarle in meglio. Era un pensiero che partecipava nel concreto al dibattito, vivo in quegli anni, sul senso della progettazione nell’età moderna, contro il consumo del territorio e il costruire indiscriminato.